Inizio forum Fai la tua domanda esproprio di terreno coltivato da coltivatore diretto o imprenditore agricolo

  • Questo topic ha 5 risposte, 1 partecipante ed è stato aggiornato l'ultima volta 4 anni, 7 mesi fa da avv brancati.
Visualizzazione 5 filoni di risposte
  • Autore
    Post
    • #1283 Rispondi
      chiara
      Ospite

      cortesemente vorrei capire quali sono le differenze ( se ce ne sono ) fra un esproprio di terreno agricolo posseduto da coltivatore d. o imp,agricolo, posseduto da persona fisica non coltivatore d. o impr.agricolo e se in quest’ultimo caso fa differenza la presenza di un contratto di affitto del terreno verso un coltivatore diretto in pensione . Le ricerche, i confronti e le letture relative alle normative, non mi hanno permesso di arrivare ad una definizione univoca e certa, quindi confido in una vostra chiara e precisa risposta. Vi ringrazio anticipatamente e porgo cordiali saluti.

    • #1284 Rispondi
      avv Bracati
      Ospite

      Gent.ma sign.ra
      in tutti i casi da lei citati l’indennità di esproprio, a seguito delle modifiche introdotte dalla Corte Costituzionale nel 2011, deve essere sempre pari al valore venale del bene, ossia al valore di mercato dello stesso.
      La legge poi prevede che se il fondo è coltivato direttamente da un coltivatore diretto o da un imprenditore agricolo a titolo professionale, spetti a questi una indennità aggiuntiva pari al valore agricolo medio del fondo (Vam), valore che viene determinato annualmente da una commissione provinciale.
      Se il fondo diversamente è regolarmente affittato a un coltivatore diretto o a un imprenditore agricolo a titolo principale, il proprietario percepirà il valore di esproprio del bene, pari al valore di mercato dello stesso, e l’affittuario l’indennità aggiuntiva pari, come detto, al vam. L’affittuario peraltro per poter incassare detta indennità deve fare una richiesta apposita e individuale.

      Cordiali saluti
      avv Brancati

    • #1991 Rispondi
      Michele
      Ospite

      Buongiorno avvocato. Leggendo i vari post sono enrato in confusione! La triplicazione dell’indennità per i coltivatori diretti, anche se in pensione, è ancora valida o si applica la disciplina dei VAM da lei citati in altro post? In caso di comproprietà al 50% di un terenno oggetto di esproprio, nell’ipotesi che solo uno dei proprieteri è CD come ci si regola? Il proprieterio Coltivatore diretto percepisce la maggiorazione (triplicazione?) e l’altro no? La ringrazio in anticipo

    • #1994 Rispondi
      brancati
      Ospite

      Salve
      la triplicazione del vam è norma non più in vigore e quindi non spetta più (salvo casi particolari in cui alcune amministrazioni pubbliche non molto aggiornate continuano ad utilizzarla).
      A chi coltivi professionalmente il fondo, oltre all’indennità di esproprio spetta una indennità aggiuntiva pari al vam.
      In caso di più comproprietari, salvo che non vi sia tra gli stessi un contratto che dimostri la piena disponibilità concessa, normalmente l’indennità aggiuntiva si applica solo per la quota di comproprietà dell’avente diritto
      cordiali saluti

    • #2040 Rispondi
      anna ciard
      Ospite

      In caso di indennità per occupazione temporanea di un terreno di proprietà di Società agricola IAP, l’espropriante ha proposto un’indennizzo pari al solo valore del terreno occupato diviso 12, per ogni anno.
      Però ha omesso di riconscere l’indennità aggiuntiva pari al vam o alla società IAP o al socio cotivatore diretto,il cui diritto credo debba essere separatamente tutelato.
      Consiglierebbe di non accettare l’indennità proposta, perdendo la maggiorazione di legge, oppure accettare l’indennità proposta alla proprietà e chiedere, separatamente l’intennizzo in aggiunta come socio CD?
      In mancanza del riconoscimento sarà il socio e non la Società a ricorrere alla Commissione Provinciale?

    • #2041 Rispondi
      avv brancati
      Ospite

      Gent.ma sign.ra Anna
      se in effetti come le scrive si tratta di mera occupazione temporanea, l’indennità aggiuntiva non spetta, in quanto per legge è prevista solo in caso di esproprio a titolo definitivo

      cordiali saluti

Visualizzazione 5 filoni di risposte
Rispondi a: esproprio di terreno coltivato da coltivatore diretto o imprenditore agricolo
Le tue informazioni: