Inizio forum Fai la tua domanda esproprio di terreno coltivato da coltivatore diretto o imprenditore agricolo Rispondi a: esproprio di terreno coltivato da coltivatore diretto o imprenditore agricolo

#1284
avv Bracati
Ospite

Gent.ma sign.ra
in tutti i casi da lei citati l’indennità di esproprio, a seguito delle modifiche introdotte dalla Corte Costituzionale nel 2011, deve essere sempre pari al valore venale del bene, ossia al valore di mercato dello stesso.
La legge poi prevede che se il fondo è coltivato direttamente da un coltivatore diretto o da un imprenditore agricolo a titolo professionale, spetti a questi una indennità aggiuntiva pari al valore agricolo medio del fondo (Vam), valore che viene determinato annualmente da una commissione provinciale.
Se il fondo diversamente è regolarmente affittato a un coltivatore diretto o a un imprenditore agricolo a titolo principale, il proprietario percepirà il valore di esproprio del bene, pari al valore di mercato dello stesso, e l’affittuario l’indennità aggiuntiva pari, come detto, al vam. L’affittuario peraltro per poter incassare detta indennità deve fare una richiesta apposita e individuale.

Cordiali saluti
avv Brancati