Art. 14. (L) (1) Istituzione degli elenchi degli atti che dichiarano la pubblica utilità

  1. L’autorita’ che emana uno degli atti previsti dall’articolo 12, comma 1, ovvero esegue un decreto di espropriazione, ne trasmette una copia al Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, per le opere di competenza statale, e al presidente della Regione, per le opere di competenza regionale. (L) 2. Con decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti ovvero del presidente della Regione, rispettivamente per le opere di competenza statale o regionale, sono indicati gli uffici competenti all’aggiornamento degli elenchi degli atti da cui deriva la dichiarazione di pubblica utilita’ ovvero con cui e’ disposta l’espropriazione, distinti in relazione alle diverse amministrazioni che li hanno adottati; nello stesso decreto puo’ prevedersi che i medesimi o altri uffici possano dare indicazioni operative alle autorita’ esproprianti per la corretta applicazione del presente testo unico. (L) 3. L’autorita’ espropriante comunica all’ufficio di cui al comma 2: a) quale sia lo stato del procedimento d’esproprio, almeno sei mesi e non oltre tre mesi prima della data di scadenza degli effetti della dichiarazione di pubblica utilita’; b) se sia stato eseguito entro il prescritto termine il decreto d’esproprio ovvero se il medesimo termine sia inutilmente scaduto;
  2. c) se siano stati impugnati gli atti di adozione e di approvazione del piano urbanistico generale, l’atto che dichiara la pubblica utilita’ dell’opera o il decreto di esproprio. (L)

(1) Articolo così sostituito dal Dlgs. 27 dicembre 2002, n. 302.