Esproprio, occupazione di una cava e valore venale del bene

BlogIndennità esproprioEsproprio, occupazione di una ...

Ruspa in azione a seguito espropriazione cava
Esproprio e occupazione di una cava

Normativa relativa l'esproprio di una cava e valore venale del bene - Cassazione civile , sez. I , 05/05/2021 , n. 11811

In tema di determinazione dell’indennità di esproprio di un terreno destinato a cava occorre fare riferimento all’ art. 39 della l. n. 2359 del 1865 e, pertanto, al valore venale del bene che, nella specie, va ragguagliato al parametro del materiale complessivamente estraibile dalla cava sino al suo esaurimento.

Indennità aggiuntiva e mancata percezione dei frutti

Trattasi di criterio omnicomprensivo, che non è compatibile con la liquidazione, in favore dell’espropriato, di una ulteriore indennità per l’occupazione della cava, con la funzione di indennizzarlo della privazione del godimento del bene oggetto del procedimento di esproprio e della mancata percezione dei frutti nel corso dell’occupazione medesima, in quanto – avuto conto delle modalità di liquidazione dell’indennità di espropriazione, che fa riferimento al valore dei materiali estraibili durante il periodo di godimento della cava e non prevede il riconoscimento di un reddito in periodi e per causa ulteriori rispetto a quelli già considerati – si tradurrebbe in una ingiustificata duplicazione della medesima indennità di espropriazione.

Approfondimenti -> Calcolo indennità esproprio

omanda icona

Cosa possiamo fare per te?

Ti aiuteremo gratuitamente a comprendere cosa ti stia accadendo e cosa puoi fare per difendere i tuoi diritti.

Chiama ora il numero
VERDE nazionale centralizzato

Fissa un appuntamento telefonico per un colloquio gratuito o per prenotare un sopraluogo tecnico

I commenti sono chiusi.